Hardcore Italia – Podcast #78 – Mixed by The Stunned Guys

Hardcore Italia – Podcast #78 – Mixed by The Stunned Guys

Playlist: Endymion feat. Murda – Stoner Kyuzo – Die for something #TiH03) Kasparov & Re-Style feat. Diesel – [...]

Hardcore Italia – Podcast # 66 – Mixed by The Stunned Guys

Hardcore Italia – Podcast # 66 – Mixed by The Stunned Guys

Playlist: Xcite- Invasion #TiH Synthax – Never gonna change #TiH Art of Fighters – Fuck you! (Koozah rmx) Advanced [...]

Hardcore Italia – Podcast # 54 – Mixed by The Stunned Guys

Hardcore Italia – Podcast # 54 – Mixed by The Stunned Guys

Playlist: StereoType – Swarm Human Resource – Dominator (The Stunned Guys rmx) Placid K – Out of mind The [...]

Anno 1993, quelli che diventeranno DJ di fama e produttori internazionali affermati passano le loro notti in cantina facendo musica, spinti solo dalla voglia di creare un sound diverso, un sound che nessun disco italiano pu soddisfare.
In questo periodo Maxx iscritto all'universit e, contemporaneamente, lavora in un piccolo studio di registrazione di Milano. Giangy fa il DJ al Number One e, durante la settimana, presta servizio civile.
E' un anno difficile, i mezzi sono veramente pochi, niente pi di un computer Atari ST e un campionatore Akai S1000. I mesi di lavoro notturno non bastano mai. Le risposte ai Demo inviati alle case discografiche olandesi sono sempre le stesse: Non va bene, Deve essere pi..., Ci risentiamo.
Un pomeriggio, per, arriva una telefonata da Rotterdam da Mr. Paul Elstak. Paul spiega che gli ultimi quattro brani spediti vanno bene, anzi no, vanno alla grande, ma bisogna mixarli in un vero studio, perch la qualit del suono non ancora soddisfacente. Poi spiega anche che il suo studio a disposizione. Sono nati gli Stunned Guys.
Maxx e Giangy partono in auto per Rotterdam, dormono in un albergaccio di quelli economici, quelli con le prostitute. Poi, alla fine, arrivano. Dopo 2 giorni di mix in studio il disco finito.
Dopo qualche settimana Nidra, il primo degli Stunned, esce sulla cult-label "Rotterdam Records". Poi esce il secondo, Amitraz 21%.
Entrambi hanno un ottimo riscontro, sia di pubblico, sia di vendite. Questo, insieme all'entusiasmo di Paul, convince Maxx e Giangy ad andare avanti, e a far diventare la loro passione la loro prima professione.
Da questo momento in poi tutto cresce esponenzialmente. Le performance nei raves di tutta Europa e d'oltre oceano, l'intensa collaborazione con i migliori artisti del settore, il rapporto con il pubblico.
Nell'arco di poco tempo gli Stunned Guys vengono investiti da un fiume di produzioni, imponendo il loro sound 'made in Italy' al top della scena internazionale.
Nel 1996, dopo vari tentativi di collaborazione con case discografiche italiane, gli Stunned Guys fondano la Traxtorm Records, prima etichetta italiana di musica Hardcore. Per fare musica nuova bisogna iniziare da zero, con gente nuova e regole nuove.
Nel frattempo gli Stunned Guys girano praticamente le consolle di mezzo mondo (Olanda, Belgio, Germania, Spagna, Francia, Svizzera, USA, Croazia, Canada, ...) suonando davanti a pi di un milione di persone, portando il sound della Traxtorm a diventare un punto di riferimento per tutte le label hardcore della scena.
Dopo innumerevoli sforzi gli Stunned Guys sono riusciti, negli ultimi anni, a promuovere il genere hardcore in Italia come nessun'altro era mai riuscito a fare prima (da citare anche apparizioni ed interviste su TV nazionali quali Rai3, TG3, Italia1, Speciale Lucignolo), cercando costantemente di essere precursori di nuovi stili (vedi la super-hit Stunned Guys & DJ Paul "Thrillseeka") e mantenendo un rapporto quasi personale con tutto il pubblico.
Nell'Aprile 2009, dopo oltre 16 anni di attivit, Giangy decide di lasciare il progetto Stunned Guys per intraprendere nuove strade. Maxx proseguir appieno l'attivit artistica di The Stunned Guys, tanta nuova musica aspetta solo di essere creata... The Stunned Guys never die!!!